«Questo lo dedichiamo ai folli, agli anticonformisti, ai ribelli, ai piantagrane, a tutti coloro che vedono le cose in modo diverso. Costoro non amano le regole, specie i regolamenti, e non hanno alcun rispetto per lo status quo. Potete citarli, essere in disaccordo con loro, potete glorificarli o denigrarli, ma l’unica cosa che non potrete mai fare è ignorarli, perché riescono a cambiare le cose, perché fanno progredire l’umanità. E mentre qualcuno potrebbe definirli folli, noi ne vediamo il genio. Perché solo coloro che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo, lo cambiano davvero.»Steve Jobs (12 giugno del 2005, discorso agli studenti di Stanford).

Cos’hanno in comune i più importanti uomini e donne di successo del pianeta?

Ebbene si, questi personaggi a cui si riferiva il fondatore di Apple hanno tutti alcune caratteristiche che li accomuna: una per tutte , pensano fuori dagli schemi. Alcuni di loro hanno davvero cambiato il mondo e il fatto che spesso, ma non necessariamente, siano anche gli uomini e donne più ricchi del pianeta è di secondaria importanza. E se nell’articolo parliamo soprattutto di Jeff Bezof, il fondatore di Amazon e di Elon Musk, poliedrico imprenditore tra le altre cose fondatore di Tesla e di SpaceX, in realtà potremmo citarne a migliaia. Mark Zuckerberg, Oprah, Mark Cuban, Bill Gates, Sheryl Sandberg e Warren Buffet solo per fare qualche nome tra i più noti.

Cos’hanno in comune questi rivoluzionari innovatori? Qualcuno ha cercato di individuare alcuni punti chiave che contraddistinguono le loro menti, il loro modo di pensare, di ragionare e di decidere. Vediamo alcunidi questi punti.

1. Pensano fuori dagli schemi

Uno dei segmenti in più rapida crescita nella tecnologia è l’Internet of Things, l’Internet delle cose. Startup di eccellenza e grandi aziende tecnologiche di consumo (pensiamo a Google, Apple, Samsung, ecc.) hanno controllato la maggior parte dell’innovazione fino a quando un determinato CEO e azienda ha lanciato inaspettatamente un prodotto che ha cambiato l’intero settore dall’oggi al domani.
Nel giugno 2015, Jeff Bezos e Amazon hanno rilasciato Amazon Echo al pubblico. Dotato dell’assistente vocale Amazon Alexa, Amazon Echo è diventato probabilmente il primo successo di massa nello spazio Smart Home. Bezos avrebbe potuto facilmente mantenere la posizione dominante di Amazon come rivenditore, oppure avrebbe potuto realizzare un hub basato su smartphone, come tutti gli altri. Invece, Amazon ha aperto la strada alla voce come interfaccia utente, ha rilasciato un prodotto fuori dagli schemi ed è ora il marchio leader nella Smart Home.
Pensate a questa storia quando vi trovate di fronte alla necessità di ridefinire le vostre decisioni o quelle della vostra azienda. Bezos, come altri imprenditori del gruppo dei “folli visionari”, non ha paura di uscire dagli schemi.

2. Non perdono mai il desiderio di apprendere cose nuove

Jeff Bezof e Elon Musk, come anche altri imprenditori miliardari, tra cui Mark Zuckerberg, Oprah, Mark Cuban, Bill Gates, Sheryl Sandberg e Warren Buffet sono tutti lettori accaniti. Alcuni trascorrono fino all’80% del loro tempo a leggere libri. Non c’è dubbio che i libri siano una via veloce, economica e conveniente per la conoscenza.

Se non avete tempo per leggere non ci sono più scuse: Bezof ha introdotto un servizio su Amazon chiamato Audible che contente di ascoltare i libri letti dalla voce di professionisti o spesso dalla voce dello stesso autore o autrice. Apprenderete mentre siete in auto, in viaggio o mentre state svolgendo attività diverse.

 

3. Ispirano e anticipano l’azione

Gli imprenditori di successo vivono secondo un obiettivo: la loro missione e lo scopo per perseguirla. La loro passione si riversa nella cultura aziendale, nel prodotto e nella fedeltà dei propri clienti. La parte importante di questa caratteristica è che la loro convinzione è incrollabile. Sono completamente allineati con la loro idea. Elon Musk, CEO di SpaceX e Tesla, è un ottimo esempio di questo tipo di leader ispiratore.

4. Non demordono mai

Arianna Huffington, uno dei nomi più riconoscibili nelle pubblicazioni online, una volta è stata rifiutata da dozzine di editori. Huffington ha continuato, trovando un editore per il suo libro e infine lanciando l’Huffington Post, una delle testate giornalistiche di maggior successo sul web. Oppure pensiamo a JK Rowling che nel nel giugno 2008 davanti ai neolaureati di Harvard, ha parlato agli studenti dell’importanza del fallimento.

“Avendo una macchina del tempo o un Giratempo, direi alla me stessa di 21 anni che la felicità personale si trova nel sapere che la vita non è una lista di cose da raggiungere o in cui avere successo. Le vostre qualifiche, il vostro CV, non sono la vostra vita, sebbene possiate incontrare molte persone della mia età e oltre che confondono le due cose.”

Proprio lei che venne rifiutata da numerose case editrici prima di veder pubblicata la sua prima opera Harry Potter dall’allora poco conosciuta Bloomsbury, oltre 20 anni fa. Era una mamma single e disoccupata, ora è una scrittrice di successo, ricca ed influente quanto Regina Elisabetta.

Nel video osserviamo come in un’intervista un giovane Jeff Bezos, il fondatore di Amazon,  presentava la sua idea nel 1997. È molto chiaro che Jeff è già sulla strada giusta nel 1997 (tre anni dopo l’introduzione di NCSA Mosaic). Ma erano in molti a tentare di scoraggiarlo. La sua idea di mettersi contro una delle più importanti catene di librerie al mondo aprendo un sito di vendita di libri era semplicemente suicida per alcuni. Sebbene le sue parole sembrino ovvie ora, 15 anni dopo, nel 1997, era molto in anticipo sui tempi. Il libro “Long Tail” di Chris Anderson ad esempio verrà pubblicato solo nel 2006 (9 anni dopo).

 

Gli imprenditori e i leader che trovano il successo sono quelli che si rifiutano di abbandonare la loro visione. La strada per il successo di una startup è piena di ostacoli. Devi essere abbastanza tenace per superarli tutti.

5. Crescono costantemente come persone

Le persone spinte a costruire cose straordinarie hanno la stessa scintilla a costruire una solida struttura di se stesse. Chi ha successocome Elon Musk o Jeff Bezof trovano sempre il modo di elevarsi ed evolversi.  Steve Jobs e Mark Zuckerberg sono andati entrambi in India per un viaggio alla scoperta di se stessi. Questi leader sanno che non sono individui finiti, proprio come le loro attività.

Che si tratti di viaggiare, cerchiamo di adottare una pratica di consapevolezza o leggere libri che sfidano la nostra visione del mondo, troviamo il tempo per concentrarci sulla nostra crescita personale. I migliori leader condividono la capacità di crescere e svilupparsi costantemente, pensare in modo indipendente, ispirare il proprio team e sopportare le parti più difficili del perseguimento dei propri sogni.

Noi di Business Intelligence Group crediamo agli anticonformisti e a “folli” sognatori

Crediamo nel successo di chi ha un sogno di impresa, e in chi avendo una idea di impresa non ha timore di mettersi in gioco.
Diventa il vero protagonista del tuo futuro grazie alla consulenza e formazione Business Intelligence Group. Il Tempo e la velocità di presa di decisione saranno sempre più le caratteristiche che renderanno vincenti le nuove idee di business. Contattaci.