“Noi importiamo dalla Russia ogni anno circa 29 miliardi di metri cubi di gas, poco più del 40%. Questi vanno sostituiti”

Lo ha affermato ieri il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, ad Agorà extra su Rai 3.

“Abbiamo fatto un’operazione estremamente anticipata e rapida ed entro la primavera inoltrata circa 15-16 miliardi di metri cubi saranno rimpiazzati da altri fornitori. Stiamo lavorando con impianti nuovi, rigassificazione e contratti a lungo termine, rinforzo delle nostre infrastrutture e ragionevolmente in 24-30 mesi dovrebbero consentirci di essere completamente indipendente”, ha spiegato il ministro.

A questo si aggiunge il piano dell’Agenzia internazionale per l’energia, un’organizzazione politica con membri di 31 governi nazionali, che ridurrebbe la dipendenza della regione dal gas naturale russo di un terzo in un anno, pur aderendo al Green Deal europeo, un accordo dell’UE per ridurre l’effetto serra netto emissioni di gas di almeno il 55% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030.

Le sue raccomandazioni sono simili a misure provenienti dall’UE che taglierebbero le importazioni russe di gas naturale dell’80% nel prossimo anno.

Ma secondo gli esperti sarà difficile chiudere rapidamente il rubinetto del gas naturale russo. Questo sia perché l’UE ne è così dipendente, sia perché si è impegnata a limitare le sue emissioni di gas serra.

L’UE ha importato 155 miliardi di metri cubi di gas naturale dalla Russia nel 2021, quasi la metà (45%) delle sue importazioni di gas e quasi il 40% della quantità totale utilizzata, secondo l’IEA. Il passaggio dalla combustione del gas naturale alla combustione del carbone è una soluzione rapida tecnicamente possibile, ma non aiuterà l’UE a raggiungere i suoi obiettivi climatici.

“Nessuno si fa più illusioni” – ha affermato il direttore esecutivo dell’AIE Fatih Birol in una dichiarazione scritta che annuncia il piano –  L’uso da parte della Russia delle sue risorse di gas naturale come arma economica e politica mostra che l’Europa deve agire rapidamente per essere pronta ad affrontare una notevole incertezza sulle forniture di gas russe il prossimo inverno”.

Ecco un riassunto dei 10 consigli dell’IEA per ridurre la dipendenza dal gas russo:

1. Non rinnovare i contratti di fornitura di gas con la Russia. Attualmente, l’UE ha un contratto con Gazprom, una multinazionale energetica a maggioranza russa di proprietà dello Stato, per oltre 15 miliardi di metri cubi di gas importati all’anno. Tale contratto scadrà alla fine dell’anno. Si consiglia all’UE di far scadere questo e altri contratti di importazione di gas.

2. Sostituire i contratti scaduti dalla Russia con quelli di altre fonti. La produzione interna di gas naturale e le importazioni da fonti non russe, comprese l’Azerbaigian e la Norvegia, aumenteranno nel prossimo anno di ben 10 miliardi di metri cubi rispetto al 2021. Ma l’AIE afferma che l’UE dovrebbe andare oltre e aumentare la sua importazione di gas naturale liquido (GNL), che è gas naturale che è stato raffreddato allo stato liquido a circa -260° Fahrenheit in modo che possa essere trasportato più facilmente su navi o camion.

3. Conservare più gas. Lo stoccaggio del gas offre a qualsiasi regione un cuscinetto di sicurezza in caso di cambio di stagione, eventi estremi o, in questo caso, guerra. L’AIE avrebbe la capacità di stoccaggio funzionante riempita al 90% entro il 1 ottobre per mantenere le case calde durante l’inverno.

4. Accelerare la diffusione di energia rinnovabile, come eolica e solare. Nel 2022, l’UE dovrebbe vedere un aumento del 15% della sua energia fornita da energie rinnovabili rispetto al 2021 grazie all’aumento della spesa per nuovi impianti solari ed eolici e condizioni meteorologiche favorevoli. L’AIE raccomanda di accelerare i progetti rinnovabili in corso affrontando i ritardi nell’elaborazione dei permessi. Ciò richiederebbe più personale amministrativo, migliorando la comunicazione tra le autorità di autorizzazione, stabilendo scadenze chiare e passando al digitale con le domande.

5. Mantenere aperto il nucleare esistente e gestire impianti di bioenergia su vasta scala. Alcuni dei reattori nucleari esistenti in Europa sono stati messi offline nel 2021 per la manutenzione e i controlli di sicurezza, ma quando queste centrali elettriche torneranno in funzione quest’anno si aggiungeranno alla produzione di energia pulita. Le centrali nucleari, una volta costruite, generano energia senza emettere gas serra. Inoltre, i livelli commerciali di energia nucleare dovrebbero iniziare nella nuova centrale nucleare finlandese nel 2022, il che aiuterà a raggiungere gli obiettivi di emissione della regione. Le centrali elettriche a bioenergia che funzionano solo al 50% della capacità dovrebbero essere completamente alimentate e gestite alla loro capacità.

6. Proteggere le aziende più vulnerabili. Quando i prezzi dell’energia salgono, le compagnie energetiche se la cavano bene, mentre alcune aziende spesso lottano economicamente. L’UE dovrebbe essere pronta a sostenere la retribuzione delle aziende in difficoltà per le bollette energetiche elevate. Un modo per tenere conto dell’attuale mercato a prezzi elevati dell’energia è imporre tasse temporanee sui profitti eccessivamente elevati delle società energetiche e utilizzare i soldi raccolti per pagare le bollette energetiche per gli utenti a basso reddito.

7. Accelerare la sostituzione delle caldaie a gas con le pompe di calore. L’AIE chiede all’UE di accelerare il tasso di sostituzione dei forni a gas con pompe di calore nelle case.

Raddoppiare il tasso di installazione delle pompe di calore nelle abitazioni costerebbe alla regione 16,3 miliardi di dollari (15 miliardi di euro) e farebbe risparmiare altri 2 miliardi di metri cubi di gas entro il primo anno. Sarebbe l’ideale, afferma l’AIE, aumentare contemporaneamente i progetti di efficienza energetica all’interno delle case.

8. Accelerare i programmi di efficienza energetica per edifici e strutture industriali. Attualmente, circa l’1% degli edifici dell’UE viene riadattato per essere più efficiente dal punto di vista energetico ogni anno. Per massimizzare l’impatto, la regione dovrebbe concentrarsi sul miglioramento dell’efficienza delle case meno efficienti e degli edifici non residenziali.

Inoltre, l’AIE suggerisce di accelerare l’installazione di termostati intelligenti per ridurre la domanda di energia. L’adozione potrebbe essere accelerata fornendo sussidi alle famiglie per installarne uno, ad esempio.

9. Chiedere al pubblico di abbassare il riscaldamento. La maggior parte degli edifici è in media di circa 22 gradi Fahrenheit e chiedere ai consumatori di abbassare il termostato di 1 grado Celsius, ha il potenziale per ridurre la domanda di gas di 10 miliardi di metri cubi.

10. Aumentare i meccanismi di affidabilità della rete a basse emissioni. L’AIE raccomanda che l’UE si concentri sull’aggiunta di flessibilità alla rete elettrica sia in termini di resilienza ai cambiamenti stagionali sia in termini di capacità di gestire picchi di domanda a breve termine. Attualmente gestisce i flussi e riflussi della domanda di rete energetica con gas naturale immagazzinato.

Il miglioramento dell’affidabilità e della flessibilità della rete in futuro dipenderà da un portafoglio diversificato di risposte, inclusa la tecnologia delle batterie e altre tecnologie di accumulo di energia su larga scala e a lungo termine. Alcuni gas a basse emissioni di carbonio prodotti all’interno dell’UE come il biometano, l’idrogeno a basse emissioni di carbonio e il metano sintetico possono contribuire a migliorare l’affidabilità della rete, ma non saranno sufficienti per soddisfare il fabbisogno energetico generale.