Nel marketing l’analisi della concorrenza è fondamentale per studiare i comportamenti dei competitor e definire la propria strategia aziendale.

Che cos’è l’analisi della concorrenza

L’analisi della concorrenza consiste nell’osservare scelte e strategie delle imprese dei competitor in un determinato segmento di mercato. Queste informazioni sono fondamentali per migliorare la propria strategia e per lasciarsi ispirare da best practices che possono essere adottate anche per la propria azienda.
Analizzando la concorrenza si approfondisce di default anche il settore di mercato di riferimento non soltanto dei competitor ma anche del proprio business.

Come fare l’analisi della concorrenza

Sicuramente il punto da cui partire è la mappatura dei competitor, inclusi prodotti e servizi offerti dalle aziende dirette concorrenti. E’ utile monitorare anche quelle aziende che non sono dirette concorrenti ma che offrono sul mercato prodotti/servizi che potrebbero comunque soddisfare le esigenze dei potenziali clienti.
Terminata la fase di mappatura occorre poi, per ogni competitor, andare ad approfondire i seguenti aspetti:

  • la quota di mercato e incassi 
  • informazioni sul team
  • punti di forza e di debolezza
  • strategie di comunicazione e marketing
  • percezione dei clienti

Approfondire i trend di mercato

Una analisi della concorrenza ben fatta  deve approfondire anche ricerche di mercato, per individuare eventuali opportunità di crescita e riconoscere i trend del settore.

I dati delle ricerche di mercato possono essere estratti dai risultati di interviste ai clienti, sondaggi e questionari online, focus group e poi incrociati con dati demografici.

Dopo aver raccolto tutte le informazioni sui competitor, è buona prassi impostare dei report riepilogativi che tengano insieme sia i dati raccolti che le considerazioni più generali sulla singola realtà aziendale.

Lavorare con i dati è diventato ormai d’uso comune, soprattutto nel management aziendale per definire strategie di marketing e business. I dati vanno poi accompagnati sempre da note di merito che permettano di approfondire lo scenario analizzato e che possano così restituire al management una fotografia della realtà più articolata e dettagliata possibile.

Analizza la tua azienda con il modello delle 5 forze competitive

Il modello delle cinque forze competitive (detto anche analisi della concorrenza allargata o analisi delle cinque forze di Porter) è uno strumento utilizzabile dalle imprese per valutare la propria posizione competitiva.

Con questo modello è possibile individuare le forze che operano nell’ambiente economico e che, con la loro azione, erodono la redditività a lungo termine delle imprese. Tali forze agiscono infatti con continuità, e, se non opportunamente monitorate e fronteggiate, portano alla perdita di competitività.
Gli attori di tali forze sono:

  • Concorrenti diretti
  • Fornitori
  • Clienti
  • Potenziali entranti
  • Produttori di beni sostitutivi

L’analisi di queste forze permette all’impresa di ottenere un quadro completo sulla sua posizione competitiva, di prendere decisioni strategiche, di stabilire i comportamenti e atteggiamenti da adottare nei confronti di queste forze. La capacità di un’azienda di ottenere risultati superiori alla media nel settore nel quale è inserita dipendono dunque dalla sua capacità di posizionarsi all’interno del settore e dall’effetto di queste 5 forze.

modello forze competitive Porter

Foto da Shutterstock, di Kheng Guan Toh

 

Se questo questo contenuto ti è piaciuto faccelo sapere scrivendo a info@businessintelligencegroup.it e continua a seguirci su www.businessintelligencegroup.it