A tutte le realtà, piccole o grandi che siano, capita di attraversare momenti di crisi.
Ecco allora alcuni consigli su cosa fare quando l’azienda è in crisi.

Affrontare la crisi aziendale

Affrontare una crisi aziendale costringe il management a dover prendere delle decisioni, spesso anche in tempi brevi, individuare strategie e azioni concrete da mettere in atto subito per cercare di limitare e contenere il più possibile eventuali “danni” e problemi che potrebbero derivare dal periodo di crisi.
La prima cosa da fare quando l’azienda è in crisi è gestire la fase dell’emergenza e poi mettere in atto un vero e proprio piano di azione e di ripartenza.

Azioni da realizzare se l’azienda è in crisi

Elenchiamo di seguito alcuni consigli su azioni da mettere in campo per affrontare la crisi aziendale.

Verifica disponibilità di cassa

La prima azione da mettere in campo se l’azienda è in crisi è sicuramente la verifica della disponibilità di cassa. Soltanto con una visione aggiornata e realistica della disponibilità economica sarà possibile definire le azioni successive e il piano di ripresa. Da valutare anche la possibilità di richiedere finanziamenti ad hoc.

Analisi dei contratti in essere

Un’altra cosa importante da fare quando l’azienda attraversa un periodo di crisi è la verifica dei contratti in essere, per capire se e dove è possibile realizzare delle economie di scala, o addirittura procedere con una risoluzione anche anticipata.
Verifica quindi i contratti di affitto di uffici, magazzini, sedi di produzione. Hai anche accordi di tipo commerciale? Anche in questo caso è opportuno fare una verifica per valutare la possibilità di ridefinire le condizioni economiche e contrattuali.

Fare rete

Spesso nelle situazioni di crisi fare rete con altre aziende, professionisti e imprese può rivelarsi una soluzione di grande aiuto. Fai una mappatura tra i tuoi partner, o altre aziende che erogano servizi/prodotti complementari ai tuoi e proponi loro di svolgere alcune azioni in partnership, così che tu possa beneficiare di un ritorno in termini di nuova visibilità e nuovi clienti.

Riconvertire la produzione

Se sei davvero sicuro che i prodotti/servizi offerti dalla tua realtà non hanno più futuro, allora una delle cose da fare è valutare attentamente l’opzione di riconversione della produzione. È possibile realizzare nuovi prodotti o servizi, riorganizzando la catena produttiva?
È sicuramente un’operazione complessa, ma in alcuni contesti aziendali potrebbe rivelarsi l’unica scelta, e anche quella vincente.

Definire una strategia complessiva di rilancio

Dopo aver fatto le verifiche elencate sopra e messo in atto le azioni giuste per fronteggiare la fase dell’emergenza, è utile però pianificare anche una strategia di rilancio e ripartenza.
Per definire le nuove azioni da mettere in campo, sicuramente occorre ridefinire il target clienti e il mercato di riferimento, valutare nuove opportunità di business, quantificare il budget a disposizione per le azioni di rilancio, fissare obiettivi a breve termine, da rivalutare in itinere in base all’andamento del piano di ripresa.

Se questo questo contenuto ti è piaciuto faccelo sapere scrivendo a info@businessintelligencegroup.it e continua a seguirci su www.businessintelligencegroup.it