Se stai pensando di avviare una start up, una delle prime cose da fare è una attenta analisi di mercato.
Vediamo come.

Analisi di mercato: che cos’è e come farla

L’analisi di mercato è una ricerca analitica utilizzata da aziende, enti ed associazioni per:

  • approfondire il contesto economico
  • individuare il settore di riferimento dell’attività
  • studiare comportamenti dei propri clienti/target.

Un’analisi di mercato ben fatta permette quindi di individuare le opportunità di profitto, eventuali fattori di rischio, sviluppare un business plan e definire strategie di marketing.

Per svolgere un’analisi di mercato utile è fondamentale chiarire lo scopo dell’indagine stessa.
Questo tipo di ricerca può essere condotta internamente dalla stessa azienda, oppure affidandosi a società specializzate. Può essere fatta tramite sondaggi, interviste, test di prodotto e focus group.

Il punto di partenza per la start-up

Prima di avviare una start up, ricorrere all’analisi di mercato è importantissimo per comprendere se quello a cui ci si sta riferendo è il giusto pubblico e che tipologia di risposta si potrà avere da quel target.

Il metodo migliore utilizzato per svolgere analisi di mercato è sicuramente quello che integra indagine quantitativa con quella qualitativa, strumenti statistici e analitici, e discipline psico-sociologiche.
Analizzando il mercato sarà possibile individuare i segmenti di pubblico ed i relativi comportamenti, e allo stesso tempo analizzare anche la concorrenza e più in generale il contesto economico di riferimento per la tua start up.

La soluzione ideale sarebbe quella di ricorrere ai macro dati aggregati recuperati da associazioni di categoria e unirli, per un’analisi più dettagliata, ai risultati dell’indagine specifica realizzata sul proprio fabbisogno.
In questo modo sarà possibile recuperare informazioni utili a definire le strategie di azione per la tua start-up, relativamente a mercato, trend, target clienti, competitor.

analisi di mercato per start up

Foto da Shutterstock, di Rawpixel.com

Partire dai dati generali

Un’onesta analisi delle priorità è fondamentale, perché ricerche che vogliono rispondere a troppi quesiti spesso finiscono per non rispondere a nulla, e lasciare l’azienda con una mole di dati molto poco utili.

Un punto di partenza per mettere a fuoco gli obiettivi è compilare un Business Model Canvas. Questo strumento è utile per una panoramica generale del modello di business, individuare obiettivi prioritari, e inquadrare meglio le aree su cui fare indagine.

Per una panoramica generale del settore da analizzare, è possibile consultare alcuni dati a stock, una serie di report generali che presentano dati di mercato aggregati. Si tratta solitamente di informazioni facilmente reperibili e immediatamente disponibili, spesso fornite da associazioni di categoria o grandi istituti di ricerca. Occorre però tener presente che essendo ricerche già pronte il dato potrebbe essere non aggiornato e quindi potenzialmente non più di interesse per il settore della tua start up. Parlando di start up infatti il riferimento è sempre a contesti di mercato estremamente dinamici, e quindi velocemente mutevoli.
Inoltre bisogna tener presente che, essendo dati aggregati e molto generali, potrebbero non fornire quella specificità utile per una indagine più approfondita del contesto.

Analisi di mercato digital

Per poter avere una fotografia il più dettagliata e precisa possibile del mercato della tua startup, l’ideale è ricorrere ad una analisi di mercato ad hoc.
Prima di avviare l’indagine bisogna definire il mercato di riferimento, selezionare gli ambiti, il target e i canali di comunicazione, scegliere la tipologia di sondaggio da utilizzare.

Tra i metodi tradizionali ci sono:

Questi strumenti tradizionali possono essere utilizzati anche abbinati alle nuove tecnologie, e questo con tutta una serie di benefici sia in termini di tempi che di costi.

Ricorrere all’analisi di mercato digitale può rivelarsi una scelta vincente per ottenere dati più precisi e affidabili, anche facendo ricorso ai Big Data

Se questo questo contenuto ti è piaciuto faccelo sapere scrivendo a info@businessintelligencegroup.it e continua a seguirci su www.businessintelligencegroup.it